Twitter

Triffo Chronicles

vendo un kg di neuroni assonnati.

No choice, your voice can take me there

dicembre
2010
14

Come ricordava tanto sinteticamente il precedente post, in questo periodo ci sono poco.
A dire il vero definire “post” il precedente “messaggio” è un insulto per tutti i precedenti posts, credo gli sia stato riconosciuto il premio “lamest post ever” come corrispettivo quasimodiano “ed è subito sera” dei posts, (mi scusi il sig. Quasimodo, ma per quanto belle ed eleganti possano essere quelle tre righe e visto che a me tre righe oltre a non risultare belle ed eleganti verrebbero pure tristi, io preferisco di gran lunga i posts “fiume”, per lo meno sproloquio in libertà senza preoccuparmi della forma… tanto poi non li devo leggere io.)
La nuova grafica (ehm si le 5 cazzate aggiunte sullo sfondo che fanno TANTO natale…) poi si meritano un post fiume, dovessimo continuare l’analogia di prima vorrei che il mio cervello partorisse un post DIVINA COMMEDIA (come sono letterario sotto le feste)
In fondo le opere corte sono facili (…) se ti viene la genialata… e sono anche “pocosbatta” ™ dal punto di vista del lavoro che c’è dietro; pensate invece alla Commedia di quel toscanaccio di messer Dante: quell’uomo si è messo a scrivere versi rigorosamente endecasillabi in rima concatenata per 100 canti… va bene che all’epoca non c’era il sodoku o la pleistescion, che c’erano poche ragazze da quelle parti e che l’unica decente (e amata) era morta… però oltre a ottenere tutta la mia stima per il lavoro immane e vincere il premio “sbattone”(tm) non posso fare a meno di pensare che se questi premi esistessero davvero la giuria avrebbe anche istituito un premio speciale della critica “unc’ho uncazzo da fare 1321”
Ho divagato un pochino… non mi capita mai (…) è che quando penso a cosa scrivere di solito non mi viene mai in mente una cippa, mentre quando sono nelle situazioni piu difficoltose vengon fuori di quei discorsi nella mia mente che nemmeno il buon Machiavelli. (tutti sti riferimenti storici non sono mica dati da un improvvisa cultura sbocciata con l’avvento delle feste… solo troppo assassin’s creed la notte… abbiate pazienza)
E’ comunque un peccato, dicevo, che tali memorabili filippiche sopraggiungano solo quando mi è complicato scrivere e che a cio io debba poi sopperire vomitando frasi senza capo ne coda con troppi aggettivi e una pessima punteggiatura; è un peccato per voi ovviamente… io mi gusto live i “capolavori” in compagnia delle mie altre personalità.. facciamo anche un dibattito alla fine.
Ho una teoria anche per questo al riguardo (delle filippiche non del dibattito…) : il mio cervello “letterario” lavora meglio in situazione di pericolo…
ELABORO: diciamo che lavora meglio quando è impegnato oltre che a scrivere mirabili opere d’arte anche a tenermi in vita:
FATTI:
Fatto N. 1 I migliori posts mi vengono sotto la doccia -> il mio cervello è impegnato a non farmi scivolare e morire mentre ballo e canto come un imbecille
Fatto N. 2 I migliori posts mi vengono mentre guido -> il mio cervello è FORTEMENTE impegnato a non andare a sbattere contro un albero… (e ciò richiede parecchie risorse… se siete mai stati in macchina con il sottoscritto capirete di cosa sto parlando)
Purtroppo in queste occasioni è difficile scrivere (se si vuole sopravvivere) quindi vi dovete rassegnare a leggere una versione caotica e confusa di un bellissimo post… Dante ne sarebbe stato fiero… (true story!)
Veniamo finalmente al titolo dopo questa chiarissima e breve parentesi…
Ultimamente quando devo pensare ad un titolo per un post mi saltan fuori solo frasi di canzoni piu o meno famose… addirittura questo titolo è nato ancora prima del post stesso…
lo spiegare l’intero processo porterebbe via ore e ore di laboriosa struttura grammaticale e tra flashback e flashforward vi sembrerebbe di essere stati catapultati in un episodio di lost (auguri…) senza per giunta la parte visiva… (un fottuto incubo post-acido)
quindi skippo, vi basti solo sapere che il titolo del post una volta aveva un significato che è difficile desumere da quanto leggerete qui.
ricominciamo dunque:
buongiorno PACO,
qualche aggiornamento sulla avventurosa vita del sottoscritto…
ho un isola e una cucina intorno, ho un divano smontato, delle librerie smontate , una camera in arrivo dopodomani e niente gas, ho un robottino che aspetta di pulirmi casa e un sacco di robaccia ikea da mettere nei milioni di cassetti a disposizione.
e cosa ho imparato da questi ultimi 3 mesi? puoi pianificare quanto ti pare ma il prendere casa batterà tutte le tue tabelle e fogliettini… (sisi legge di murphy o quant’altro… fate pure i saccenti se volete)
lezione inutile visto che non prenderò mai piu un altra casa…. salvo vincite multimilionarie una casa è per sempre… come un diamante ma con un mutuo e meno luccicante.
Sono le 16:00 e sono in ufficio… Vedo dei cupidi svolazzarmi intorno,solo che al posto di freccie di AMMORE sparano freccie di noia… ogni colpo muoio un po dentro, a volte vorrei un “effetto chiusura” stile FIESTAnoncivedopiudallafame, ma il mio team montaggio scene e post produzione sembra vivere un momento creativo particolarmente intenso.
che altro? assi il comune di Cxxxxxo D’xxxx (comprate una vocale se proprio vi interessa sapere il comune) ha deciso che mi meritavo una bella punizione per essere passato con il giallo (quasirosso) dopo aver atteso 40 minuti al semaforo davanti ad un ponte frustrato dal fatto che nell’altro senso il verde durava circa 20 minuti con i 15 secondi del lato dove mi trovavo…
Come lezione di vita, i gentili bergamaschi che spero soffrano al cesso quanto io ho sofferto aprendo la raccomandata, hanno deciso che la punizione adeguata consisteva in gnientepopodimenoche 160 euro e 6 punti patente… per quanto possa tenere ai punti della mia patente in questo periodo mi spiace piu per i 160 euro…
pensate a quante cose avrei potuto prendermi con quei 160 euro…
evabbeh.. c’est la vie direbbe un mio amico francese…
porcputain direbbe l’ex capo del mio ex capo… (anche lui francese… ma francese vero…)
Già, i francesi si che sanno come usare frasi d’effetto in ogni occasione…
non come noi italiani che usiamo frasi di canzoni inglesi per post senza senso.
Buona serata Paco. e buone feste…

p.s. bambini babbo natale non esiste… o meglio esiste ma si chiama PasswordDelContoPaypalDelPapà…


Previously on Triffo Chronicles...

- 14/12/2008 - E cosa farai dopo?
- 14/12/2007 - The One With Triffo e la wii-zapper
- 14/12/2006 - The One With Triffo e lo spirito natalizio.
- 14/12/2005 - The One With Triffo e Zelda Leon
- 14/12/2004 - The One With Triffo Impaziente.
2 Comments to

“No choice, your voice can take me there”

  1. On dicembre 14th, 2010 at 21:54:53 Laura Says:

    Like a Prayer – Madonna…cosa ho vinto?cosa ho vinto?
    Inutile ripeterti che trovo la tua scrittura a dir poco geniale…cmq se ti annoi tanto…fammi uno squillo!

  2. On dicembre 15th, 2010 at 11:13:05 Triffo Says:

    ^_^
    il commento sulla noia è ovviamente solo l’ultima aggiunta a questo post che mi trascino da giorni… (in ufficio ci sono momenti in cui non ho niente da fare e non riesco piu a cazzeggiare come una volta, invece fuori da qui (ufficio) è un macello… vorrei averne il doppio del tempo a disposizione per fare tutto)

    se appari su msn nelle ore lavorative mi trovi
    Canzone azzeccata… ovviamente, magari quando ci vediamo ti spiego anche il senso di tale citazione.
    Ciao!

Email will not be published

Website example

Your Comment: